folignonline
Edizione del 20 Agosto 2018, ultimo aggiornamento alle 22:24:29
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
folignonline
cerca nel sito
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri

Stampa articolo

Eventi, 08 Giugno 2018 alle 15:56:09

Quintana, l'etichetta di In Vino Veritas dedicata a Pazosu de Zamaglia

L'artista, Silvia Rossi, l'ha voluta riservare al destriero piu' amato dai contradaioli del Cassero [Fotogallery]

Il Cassero, diretto dal neo priore Fabio Serafini, ha presentato In Vino Veritas, l'etichetta d'autore, una iniziativa che, ormai, il rione giallo-marrone promuove da 15 anni: un quadro realizzato da un artista locale che, donato al rione, diventa una etichetta d'autore, applicata sulle bottiglie di sagrantino e rosso di Montefalco della Cantina Terre de' Trinci.


Quest'anno la scelta è caduta sull'artista Silvia Rossi che ha dipinto, su sfondo giallo, l'amatissimo cavallo di Giostra, Pazosu di Zamaglia, il destriero più amato dai contradaioli.


Presenti all'iniziativa, oltre al presidente dell'Ente Giostra, Metelli, ai priori dei vari rioni, all'assessore Patriarchi e all'artista Silvia Rossi (che si è detta "onorata di aver potuto dipingere un animale così amato dall'intero rione"), anche Nicola Mattoni, il figlio del compianto presidente della Cantina Terra dei Trinci, Lodovico, venuto a mancare il 1° maggio scorso. "Per me è un grande onore continuare questa tradizione - ha detto Mattoni - in memoria di mio padre, che ha subito creduto in questa iniziativa. A casa ho l'intera collezione".


La presentazione dell'iniziativa è spettata al priore Fabio Serafini che ha illustrato il curriculum dell'artista e poi ha ceduto la parola a Moreno Chiacchiera, art director di In Vino Veritas. "La prima etichetta - ha detto Chiacchiera - è stata quella che io stesso ho dipinto, ormai 15 anni fa, quando ci siamo inventati tale evento che fa parte di diritto del programma della Giostra della Quintana".


Ha ringraziato il rione giallo-marrone anche l'assessore Giovanni Patriarchi  che ha sottolineato la qualità raggiunta dalla Quintana e la valenza sociale che essa offrea tutto il territorio. "Una quintana - ha detto che è uno strumento di promozione del territorio non solo per la nostra città, ma anche per tutta l'Umbria. Cinque giornalisti americani, infatti, sfileranno in costumi secenteschi e vivranno la città sotto questo particolare momento". 


"L'assenza di Lodovico - ha detto Metelli - è grande. Lui è stato un uomo lungimirante che ha visto nella Quintana un importante veicolo di promozione. Saluto il nuovo priore che sta lavorando bene e che avrà, sicuramente, in Giorgio Recchioni, un importante aiuto". Metelli ha fatto un cenno alla situazione particolare che la Quintana sta vivendo, riferendosi all'inchiesta giudiziaria. "Non possimao mettere la testa sotto la sabbia- ha detto - La Quintana è spettacolo e non solo velocità. La Quintana è una manifestazione unica e a Parigi, Berlino e Venezia dimostreremo la nostra valenza".

Trattoliva Ristorante // Campello sul Clitunno


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Vus Com
Principe
Sicaf